Pub Grado Plato

La nostra storia

DAL 2003 al 2007

Il Birrificio Grado Plato nasce nel 2003 a Chieri per opera di Sergio Ormea e suo figlio Gabriele, che trasformano la loro passione di prodursi le birre in casa in una attività professionale. Alle origini era un brewpub, quindi con l’impianto di produzione all’interno del locale. Le prime due ricette sono la SVEVA e la SPOON RIVER rispettivamente la ‘chiara’ e la ‘ambrata’. Quasi subito la fantasia e la voglia di mettersi in gioco fanno nascere altre ricette, arrivano i primi complimenti e riconoscimenti, partono le prime esportazioni ed iniziano ad interessarsi alcuni distributori che già vedevano nel prodotto di alta qualità una opportunità per il futuro. Sono gli anni ‘ruggenti’ per il fenomeno delle birre di qualità italiane, e Grado Plato fa la sua parte per mettere in luce questa nuova eccellenza anche organizzando, all’inteno del locale, meeting a tema birrario che vedevano coinvolti i colleghi a livello nazionale.

DAL 2008 al 2013

Il pub diventa stretto per la produzione! Si matura l’idea di spostare l’impianto produttivo e costruire un birrificio in un’altra sede, dove ci si possa dedicare con gli spazi adatti e la possibilità di crescere. Entra quindi a far parte dello staff Giorgio, che collabora alla costruzione del birrificio a Montaldo Torinese, località scelta per la vicinanza con Chieri. Nasce quindi il birrificio vero e proprio, con spazi dedicati allo stoccaggio della materia prima, alla produzione, ed alla perfetta rifermentazione delle birre imbottigliate con controllo della temperatura. Si potenzia la possibilità della cantina con tre nuovi fermentatori da 60 Hl. Si muovono i primi passi anche sul piano della comunicazione, creando e seguendo la pagina FaceBook ufficiale del birrificio. Si ottiene, nel 2010, un grande riconoscimento internazionale a Strasburgo con la medaglia di Platino alla nostra CHOCARRUBICA.

DAL 2014 AI GIORNI NOSTRI

Grado Plato si amplia ulteriormente raddoppiando lo spazio del birrificio, consolida le posizioni acquisite e per non farsi mancare nulla inventa l’Amaro del Birraio, caratterizzato dai luppoli. Entrano a far parte della squadra anche Stefano, birraio, ed il fratello Simone, che danno ulteriori idee ed impulsi per concretizzare le accresciute potenzialità e successivamente Andrea, birraio. Si mantengono le ricette ormai storiche e si amplia la gamma con la nuovissima IPA, che completa l’offerta Grado Plato sulle birre luppolate affiancando la BINGO. Si potenzia anche l’offerta delle bottiglie da 330 ml parallelamente alle già conosciute 750 ml con il tappo a macchinetta. Nel 2017 nasce la Superfesta Grado Plato, che una volta all’anno nel periodo estivo offre l’occasione per due giorni di birre, assaggi di cucina e musica.

La squadra

Le nostre Birre